.
Annunci online

folliepreferenziali Le Rêveur Fou
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

----------------

:: ABOUT ME ::

Mi chiamo Luca e sono nato a Napoli il 18/09/1985. Sono un tipo socievole. Mi reputo una persona sensibile e mi definisco romantico. Credo nella serietà, nella sincerità e nella fedeltà. Nella vita credo che spesso sia meglio essere contro corrente. Sono uno studente di Scienze Politiche, sono un ex dj ed animatore e mi occupo di altre cose, collaboro con l'organizzazione di un festival, "Una Voce in Campania", ho realizzato siti web ed elaborazioni grafiche, per semplice passione. Sono appassionato di musica e cinema. Amo anche viaggiare, scrivere, leggere e stare con gli amici. Benvenuti nel mio mondo!

----------------


@lucabianco9

----------------

:: IX Mesca ::
Dilwica
Io
Roby
Skizzidimare
Kalì
Torakiki
Patafrulli
Keshya
Toleno
Ombra
ApeGiulia
Vetro
Conte
Ofyp
Mora76
Corpolibero
LaCarezza
Bluesbloggerblues
Raissa
Napolino
Luigi
Ananasso
Jericho
Camomillo
Piero

----------------

BlogItalia - La directory italiana dei blog
segnala il tuo blog su blogmap.it

Directory Qui Blog Italiani


25 novembre 2010
politica interna
Arrestato Iovine

Arrestato Iovine, ma è solo la punta dell’iceberg. Nonostante la notizia ci renda sicuramente felici, smontare ‘o sistema richiede molto più lavoro e molta più onestà e giustizia. Coloro che sono stati gli eroi antimafia sono stati grandi per il semplice fatto di esser stati gli unici a fare il proprio lavoro in modo pulito ed onesto, come d’altronde dovrebbero farlo tutti.

E poi la cosa che più mi fa pensare è che dopo 14 anni di latitanza se ne sono accorti (o almeno Maroni se n’è accorto) proprio nel momento della crisi di governo. E proprio all’indomani della polemica con Saviano. La cosa puzza tanto di “raggiro mediatico”, proprio come ha scritto un amico su facebook, il governo crolla e se ne deve uscire con una marcia trionfale sulla “malavita” organizzata, dopo esser stato indagato per collegamenti con la stessa non so quante volte.

Questa è l’Italia signori miei.




permalink | inviato da folliepreferenziali il 25/11/2010 alle 16:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
14 aprile 2008
politica interna
Caro Silvio, chiedo la mano di tua figlia.
Il Popolo dell'Ambiguità, questo il nome che ho deciso di assegnare a questo partito.
Innanzitutto mi fa tanta tristezza una nazione che vota come proprio leader un uomo che afferma pubblicamente: "Giovani diventate imprenditori di voi stessi", togliendo ogni speranza di future assunzioni nella pubblica amministrazione, dove le carenze di personale stanno raggiungendo livelli davvero assurdi. Ma ancor più triste è un popolo che vota un partito che crea coalizioni così ambigue. Al nord si allea con la Lega Nord, al sud con l'Autonomia Sud. E' normale? E' razionale? Non credo che Lega ed AS vadano così d'accordo. E poi mi sembra un'alleanza ambigua. Berlusconi dividerà l'Italia?!
Senza dimenticare, ancor peggio, le affermazioni fatte da Berlusconi riguardo i giovani precari.
Bene, allora salirà Berlusconi al governo? Pazienza, ma io, in quanto studente e, post-laurea, probabilmente futuro disoccupato o precario, a meno che io non mi metta a fare il libero professionista, devo chiedere a Berlusconi di darmi in sposa sua figlia. Visto che la soluzione al precariato, secondo lui, è questa. Tutti i disoccupati ed i precari, a turno, devono sposare i figli di Berlusconi. Ma che bella soluzione!
Sono sdegnato più che deluso. Ma è un risultato che mi aspettavo. E mi fa tanta tristezza per l'ignoranza di tante persone che lo votano. "Uh com'è bell Berluscon, mi toglie l'ici, mi toglie il bollo". Col cavolo, però un posto di lavoro fisso per tuo figlio te lo scordi!
Sarò anche duro nei toni, ma riflettete e riflettete bene. Soprattutto per il futuro dei vostri figli. Perché non sarò l'unico a beccarsi tutti i danni di Berlusconi. Non che io voglia dire che altri al suo posto avrebbero fatto di meglio, ma sinceramente a me questo personaggio mi fa vergognare di essere italiano.
Non mi resta che consigliarvi ancora una volta di riflettere.
Riflettete... Riflettete... E mi auguro che lo facciate davvero.

P.S.: Propongo di andar via dall'Italia. E sinceramente dopo la laurea un pensierino ce lo farò di sicuro.



permalink | inviato da folliepreferenziali il 14/4/2008 alle 17:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
10 novembre 2006
politica interna
Andando all'università... (Povera Napoli!)
Ieri andando all'università mi son reso ulteriormente conto di quanto siano spesso ridicoli i politici. E mi dispiace davvero, davvero tanto, perché Napoli o in mano alla sinistra, come ora, o in mano alla destra, è comunque in mani sbagliate. Se la destra durante le elezioni "donava" gentilmente banconote da 50 euro a tutti i giovani che gli avrebbero a loro volta "donato" il proprio voto (ma che generosi!), la sinistra si presenta ridicola sotto il profilo della sicurezza e dei cosiddetti piani firmati col governo. E non pensate che sia necessario fare salti mortali per dimostrarlo, basta fare il percorso dalla propria abitazione all'università.
Arrivato a Piazza Garibaldi percorro uno dei marciapiedi laterali che che porta alla stazione. Dopo pochi metri alla mia destra è parcheggiato un mezzo della polizia. Due poliziotti passeggiano con i volti colorati da un'espressione tra il serio e l'inkazzato, chissà come ignari di essere nella piazza dei mariuoli (ovvero dei ladri). Vanno nella direzione opposta alla mia... Li incrocio, li supero, e giusto una decina di metri dopo, se non di meno, come da tradizione, alcuni gentili individui mi offrono cellulari, fotocamere e computer portatili... Saranno i saldi o gli stock? Uh no, aspetta! Ma quelli sono rubati! Per di più se acquisti ti danno un bel pacco regalo con tanto di mattoncino all'interno (cosa che molti tra noi napoletani sanno bene!). Pochi metri dopo mi imbatto nel mitico gioco dell'indovina la carta (alcuni usano tre carte, altri tre campane e bisogna indovinare dov'è la pallina...), dove se punti e non indivini perdi, se punti e vinci perdi lo stesso (altrimenti rischi pure che ti menano! Un paio di volte ho assistito a litigi ed addirittura ho udito minacce da parte degli imbroglioni nei confronti delle povere vittime!). Per di più, molti turisti, ignari del losco imbroglio, sono attratti dal fatto che vi sono alcune persone sempre lì a puntare. Di certo non mi andrete a pensare che sono persone che amano passare la giornata lì a buttare i propri soldi!? Soprattutto quando "giocano" con banconote belle grosse... Minimo 50 euro. Capito? (Ovvio! Quelli sono complici del gioco/imbroglio). Percorro ancora qualche metro quando, dietro di me, sento una voce, una sorta di parola d'ordine viene pronunciata... Il tempo di voltarmi e come per magia il "bancariello" della scommessa sparisce, insieme a tutti i pseudo-giocatori che si dileguano tra la folla. E non solo! Anche quei gentili signori che prima mi hanno offerto cellulari, fotocamere e computer portatili improvvisamente tornano ad essere delle normali persone in giro per i ridenti marciapiedi della piazza... E perché è successo tutto questo? Ma guarda, stanno passando gli agenti di polizia. Aahh! Ora si spiega tutto...
Attraverso la strada, entro in stazione e vengo pure annusato dal cane dell'unità cinofila. Il che mi fa venir in mente le parole che a volte dice il papà di Roby, che mi fa morir dal ridere per come le intona, e che in questo caso rivolgo a me stesso dopo aver superato il "test": Ma che brava persona!
In conclusione (ciliegina sulla torta?!) non può non essere ricordato, guardacaso, il messaggio che viene trasmesso di tanto in tanto mentre si aspetta la metro o il treno della circumvesuviana: ATTENZIONE AI BORSEGGIATORI - BE WARN TO THE POCKETS. Tiè tiè! Menu male 'ca c'o rricordeno 'llore! (Dato che non tutti lo capiscono, mi sembra giusto tradurre, anche se in napoletano suona meglio: Meno male che ce lo ricordano loro!)



permalink | inviato da il 10/11/2006 alle 17:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
1 novembre 2006
POLITICA
Venghino lor signori... Polizia, carabinieri, tutti quanti qua!
Venghino venghino, Polizia, carabinieri, tutti quanti qua, l'esercito, i caschi blu... Perché probabilmente tutto questo noi ce lo meritiamo. Perché come ha scritto Kekko sul suo blog "questa non è la vittoria della Napoli che delinque. E' la sconfitta della parte buona di Napoli che soccombe." Perché anche io, come lui e come tanti altri napoletani veri, puliti ed onesti, sono orgoglioso di esser nato in questa città, ma anche io sarò fra coloro che andranno via da qui. Perché siamo noi che stiamo uccidendo la nostra Napoli. Siamo noi che subiamo, subiamo e subiamo da parte della camorra. E stiamo zitti. Tutti zitti! A subire! Ogni tanto una piccola fiamma di una piccola manifestazione in qualche piccola via della città... E poi di nuovo il silenzio. E di nuovo a subire, ovviamente! E il termo-valorizzatore non lo vogliamo (ovvio, altrimenti come fa la camorra senza le discariche abusive?) ed i rifiuti ci arrivano fino ai capelli... E su questo non mi trovo neanche d'accordo con il partito che appoggio. Ed il "pizzo", altrimenti mamma camorra punisce. E se mamma camorra viene denunciata allora si viene sparati. E la droga, chi a Napoli non sa i luoghi più famosi dove spacciano? O meglio, i quartieri? Tutti siamo al corrente di come funziona la malavita a Napoli. Tutti! A partire dalle istituzioni per prime, che si siedono a tavolino con i delinquenti! E poi appaiono in televisione facendo i saputi e gli ipocriti! E poi per quanto riguarda l'indulto, non metto in dubbio che un carcerato costi allo Stato un banco di denari, ma se non c'è lavoro, e qui a Napoli la situazione la conosciamo bene, che kazzo li liberate a fa sti delinquenti? A che diavolo serve se non c'è la possibilità di sistemarli? Se son stati delinquenti e non hanno neanche i soldi per mangiare, sempre i delinquenti tornano a fare! ...Ed addirittura qualche tempo fa sono stato spettatore di uno scippo nel bel mezzo di piazza Dante ad una coppia di turisti, che poi non ho neanche capito se ci son riusciti o no. Pochi secondi dopo appare una macchina della polizia ed i poliziotti invece di scendere e rincorrere i due malviventi cosa dicono alle persone che indicano la strada lungo la quale i malviventi si sono dileguati?! "Chiamiamo rinforzi". Per rincorrere due cretini che erano addirittura a piedi? Dato che probabilmente avevano lasciato il loro mezzo a qualche decina di metri dalla piazza, in una strada secondaria (visto che uno aveva un casco in testa)... Ed intanto Napoli muore... Sotto i colpi della camorra, della delinquenza in generale, delle istituzioni menzognere, delle forze dell'ordine per lo più corrotte. E noi spettatori di questo dramma che sembra non aver fine. Quanta tristezza...



permalink | inviato da il 1/11/2006 alle 15:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
20 settembre 2006
politica interna
Gli studenti napoletani non credono nelle Forze dell'ordine
Camorra, gli studenti napoletani
non credono nelle Forze dell'ordine

Questa è l'immagine che "regaliamo" del nostro "splendido" meridione, della nostra "splendida" Napoli? Si! E non c'era bisogno di un sondaggio per capirlo. Lo sappiamo tutti. Tutti! E l'abbiamo sempre saputo. Non c'era bisogno che apparisse questo titolo sui giornali. E quello che è più sconcertante e che provoca un forte senso di ripudio è il fatto che soprattutto noi Campani subiamo passivamente ogni sopruso da parte di organizzazioni criminali e non muoviamo un dito. Nulla. Nessuna protesta. Almeno in Sicilia, in Calabria, qualche minimo segno di opposizione da parte della popolazione è stato manifestato. E noi? Nulla. E le vittime, chi per errore, chi per aver "parlato", chi per aver avuto il coraggio di esclamare il proprio NO! Ed intanto sulla nostra meravigliosa Napoli continua a gravare come una gigantesca piovra l'ombra lunga della malavita organizzata. E non è solo delle Forze dell'ordine che non ci si deve fidare...



permalink | inviato da il 20/9/2006 alle 22:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  




IL CANNOCCHIALE